Salta e vai al contenuto principale
  • Deutsch
  • English
  • français
  • Español
  • Italiano
  • Nederlands
  • Australia

    Australia

    (AUD $)

  • Austria

    Austria

    (EUR €)

  • Belgio

    Belgio

    (EUR €)

  • Bulgaria

    Bulgaria

    (BGN лв.)

  • Canada

    Canada

    (CAD $)

  • Cechia

    Cechia

    (CZK Kč)

  • Cipro

    Cipro

    (EUR €)

  • Corea del Sud

    Corea del Sud

    (KRW ₩)

  • Croazia

    Croazia

    (EUR €)

  • Danimarca

    Danimarca

    (DKK kr.)

  • Emirati Arabi Uniti

    Emirati Arabi Uniti

    (AED د.إ)

  • Estonia

    Estonia

    (EUR €)

  • Finlandia

    Finlandia

    (EUR €)

  • Francia

    Francia

    (EUR €)

  • Germania

    Germania

    (EUR €)

  • Giappone

    Giappone

    (JPY ¥)

  • Grecia

    Grecia

    (EUR €)

  • Irlanda

    Irlanda

    (EUR €)

  • Israele

    Israele

    (ILS ₪)

  • Italia

    Italia

    (EUR €)

  • Lettonia

    Lettonia

    (EUR €)

  • Lituania

    Lituania

    (EUR €)

  • Lussemburgo

    Lussemburgo

    (EUR €)

  • Malaysia

    Malaysia

    (MYR RM)

  • Malta

    Malta

    (EUR €)

  • Norvegia

    Norvegia

    (EUR €)

  • Nuova Zelanda

    Nuova Zelanda

    (NZD $)

  • Paesi Bassi

    Paesi Bassi

    (EUR €)

  • Polonia

    Polonia

    (PLN zł)

  • Portogallo

    Portogallo

    (EUR €)

  • RAS di Hong Kong

    RAS di Hong Kong

    (HKD $)

  • Regno Unito

    Regno Unito

    (GBP £)

  • Romania

    Romania

    (RON Lei)

  • Singapore

    Singapore

    (SGD $)

  • Slovacchia

    Slovacchia

    (EUR €)

  • Slovenia

    Slovenia

    (EUR €)

  • Spagna

    Spagna

    (EUR €)

  • Stati Uniti

    Stati Uniti

    (USD $)

  • Svezia

    Svezia

    (SEK kr)

  • Svizzera

    Svizzera

    (CHF CHF)

  • Ungheria

    Ungheria

    (HUF Ft)

Microplastiche nei cosmetici: Piccole particelle, grande problema

Mikroplastik in Kosmetik: Kleine Partikel, großes Problem

Berresti volontariamente il tuo gel doccia o mangeresti il ​​tuo scrub? Probabilmente no, vero? Ma lo fai involontariamente e più spesso di quanto pensi e vorresti. Purtroppo numerosi prodotti cosmetici contengono ancora le cosiddette microplastiche, che finiscono nel nostro ambiente attraverso le acque reflue. I filtri negli impianti di trattamento delle acque reflue fanno molto, ma queste minuscole particelle spesso semplicemente scivolano attraverso e finiscono nei fanghi di depurazione nei campi o come “cibo” in pesci e frutti di mare. Logicamente, i poveri animali non sono in grado di distinguere le piccole particelle di plastica dal plancton o da altri alimenti e semplicemente li mangiano. E così le microplastiche finiscono di nuovo nei nostri piatti.

La microplastica è un prodotto puramente industriale e si forma da un lato dalla decomposizione di grandi parti in plastica non biodegradabili e dall'altro dall'uso mirato in prodotti cosmetici come peeling, gel doccia o rossetti. L’Associazione tedesca per l’ambiente e la conservazione della natura (BUND) ha scoperto che fino a 2,8 milioni di particelle di microplastica possono entrare nell’ambiente attraverso un solo tubo di peeling. Rispetto al resto dell’inquinamento ambientale causato dalla plastica, le microplastiche sono solo un piccolo problema, ma anche evitabile. Negli ultimi anni i produttori di cosmetici hanno ripetutamente promesso di affrontare il problema, ma secondo BUND, ad esempio, un peeling su tre e un gel doccia su quattro contengono ancora microplastiche. L’unica cosa che aiuta è che noi consumatori prestiamo particolare attenzione all’utilizzo di prodotti privi di microplastiche.

Un problema risiede ancora una volta nella definizione della questione, perché molti produttori di cosmetici, ad esempio, dichiarano solo il polietilene come microplastica. Secondo BUND, però, questa sostanza è solo una parte del problema della plastica. Oltre al polietilene (PE), altre sostanze preoccupanti includono polipropilene (PP), nylon-12, nylon-6, copolimero di acrilati (AC), polimero incrociato di acrilati/alchil acrilato C10-30 (ACS), polimetilmetacrilato (PMMA) e Polyquaternium-7 (P-7). Certo, cercare questi nomi tra gli ingredienti di ogni singolo prodotto cosmetico la prossima volta che vai a fare shopping può essere un compito che richiede ore. Ma non devi, perché ci sono aiutanti intelligenti che possono farlo per te. Ad esempio l'app gratuita “Codecheck”. Basta scansionare il codice a barre del prodotto e l'app ti mostrerà immediatamente se contiene microplastiche e/o altre sostanze discutibili. Ciò ti consente di trovare rapidamente prodotti senza microplastiche e quindi di fare la tua parte nella prevenzione dei rifiuti di plastica.

Un altro metodo è quello di utilizzare cosmetici naturali, che per definizione non devono contenere sostanze prodotte industrialmente. Soprattutto quando si tratta di peeling per viso e corpo, potete realizzarli facilmente da soli utilizzando sale o zucchero e un filo d'olio.